I percorsi dell’obbligo vaccinale

In questa sezione sarà possibile visionare i Decreti, le Circolari e le Raccomandazioni circa la recente introduzione dell’obbligo.

Il recente fenomeno di “Vaccine Hesitancy”, ossia l’esitazione che ha portato ad un calo della adesione alle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate in Italia, dipende da vari fattori tra i quali la paura per presunti rischi conseguenti alle vaccinazioni (in particolare per il clamore sulle falsa relazione tra vaccino trivalente e autismo) e la bassa percezione del rischio delle malattie infettive (si dice infatti che i vaccini siano vittima del loro stesso successo, in quanto diminuendo l’incidenza delle malattie che controllano fanno diminuire nella popolazione la percezione della loro importanza). In conseguenza di questo calo della adesione alle vaccinazioni, malattie come il morbillo hanno fatto la loro ricomparsa in Italia ed il Governo, supportato dal parere degli organi tecnici e delle Società scientifiche, è corso ai ripari introducendo l’obbligo per alcune vaccinazioni che erano fino ad ora “raccomandate”.

Il percorso dell’obbligo è iniziato in Italia con la vaccinazione antivaiolosa (introdotta nel lontano 1888, ma già diffusa nel Regno ancor prima dell’Unità) il cui ciclo si è chiuso nel 1981 quando la malattia, grazie alla vaccinazione estensiva nel mondo, è stata definitivamente eradicata.

Sulla scorta dei successi della vaccinazione antivaiolosa altre vaccinazioni sono state introdotte come obbligatorie (difterite, poliomielite, tetano, epatite B) fino ad un momento in cui si è ritenuto che la popolazione avesse un livello di coscienza sanitaria tale da non doverla più costringere a proteggersi perché lo avrebbe fatto da sola. Così l’introduzione delle nuove vaccinazioni ha successivamente seguito un criterio di raccomandazione, fino al momento in cui a seguito del citato fenomeno dell’Hesitancy ci si è visti costretti ad reintrodurre l’obbligo per i soggetti da 0-16 anni che frequentano la scuola.

Documenti e normative disponibili
Condividi questa pagina: